Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘Veleno’ Category

Je me la tire à Paris

Venerdì 10 settembre alle 19.00 presento Veleno a La Libreria à Paris di Parigi. E questa è già una cosa, ma i favolosi Florence e Andrea hanno fatto di più, alla faccia dei cazzoni dei caffèletterari tirapacchi italiani.

Cosa? Per esempio:

Au mois de juin dernier, lors de la Semaine Italienne dans le 13ème arrondissement, l’ami Mauro Gasparini avait déjà fait une fugace apparition et une petite lecture-présentation très appréciée de son précédent opus “Dammi un bacio”. Quant à présenter l’animal… il fait ça très bien tout seul et nous le citons: né à Venise avant la fin de la République du même nom, a combattu contre l’assaut du Campanile de San Marco en avertissant les gardiens de la paix qu’un camion géant de la Playmobil était garé en double file. En 1896, il se diplôme en Histoire du Cinéma avec un mémoire de fin d’études prophétique “les Lumières ou l’art sans avenir”. Il a écrit quelques romans mais, les ayant longtemps gardés dans un tiroir dont il a perdu la clef, il a dû en écrire d’autres parce que cela l’ennuyait d’abîmer la commode. Heureusement, il garde ses rêves bien au chaud dans un autre tiroir. Fin de citation!
Veleno, Velluto et Liverani sont les héros de ce noir italien, irrévérencieux, déroutant, en un mot très inattendu!
Veleno est un protagoniste de polar dans toute sa splendeur: alcoolique, taciturne, barbu, incapable de relations humaines apaisées, empêtré bien malgré lui dans une affaire qui le dépasse totalement, et ô combien attachant.
Velluto est une magnifique femme fatale, fragile et arrogante, mais amoureuse : son amie Silvia a été sauvagement assassinée et le tueur est désormais lancé sur sa trace.
Le troisième personnage, Liverani est un commissaire au physique de suédois, mais la pipe est “à la Maigret”, fatigué comme il se doit. Ce trio en fuite entre Padoue, Dolo et enfin Cittadella (et les paysages de la région ont un rôle des plus importants dans la narration!) va affronter de sinistres et très mystérieuses forces. Veleno est un roman noir, drôle et désenchanté, bien ancré dans la réalité de ce début de XXIème siècle en Italie.
Editions Scritturapura

Et je ne me la devrais pas tirer moi?

Annunci

Read Full Post »

Prima di partire pensavo che, dopo 5 giorni di presentazioni, avrei avuto un sacco di cose da dire in un post.

Non avevo calcolato che le emozioni legate al viaggio e agli incontri notevoli che ho fatto lungo la strada, si sarebbero incastonate in una sfera del tutto privata che avrebbe bisogno di uno spazio diverso nel quale diventare storia da narrare.

Così ho deciso di mantenermi all’essenziale dando spazio a qualche immagine che rende benissimo i momenti esaltanti e quelli nei quali tocchi con mano il tuo totale anonimato.

a sinistra Stefano Delmastro di Scritturapura

16 luglio, Finale Ligure, fa così caldo che nel b&b in collina anche le zanzariere sudano. Stefano Delmastro è stato un compare splendido, insieme abbiamo elaborato la teoria del Depressive Marketing. Veleno però ha retto la botta e si è fatto vendere alla grande.

Un plauso particolare al comune di Finale: della manifestazione non gliene fregava un cazzo. Si suppone sia stata patrocinata per agevolare un amico che noleggia gazebi. Bravissimi comunque i temerari de Las Vegas Edizioni che ce l’hanno fatta nonostante.

.

Angela Castellano, LeBolleBlu

17 luglio, Firenze, Limonaia Strozzi. teoricamente era organizzato da una libreria, ma deve essere una del tipo Caffè Letterario a Roma: di quelle che usano i libri per vendere cocktail senza gli oneri dei bar. Angela ha speso per Dammi un bacio parole bellissime e io mi sono anche un po’ commosso; non quanto per i cantuccini col vin santo dell’immensa Mascia (vedi le sue foto), o davanti alla trippa del trippaio di Piazza della Passera, che è stata l’unica cosa più calda di una giornata assurdamente calda. Ma insomma, ho molto apprezzato. Bona. In senso trino.

a sinistra Fabiano De Micheli

.

.

.

.

.

.

.

.

.

18 luglio, Bologna, Libreria Modo Infoshop Interno 4, felicemente corredata di veri librai all’interno. In scena il primo Dammi un Daparox con Fabiano De Micheli. Faceva così caldo che il microfono cantava da solo “Wanna be a calippo”. La birra rossa ha reso la presentazione un po’ impastata, ma in compenso tutto quello che vedevo mi sembrava bellissimo. Grazie Francesca.

.

.

.

.

reading on the road

.

dal reading all'improvvisazione

19 luglio, Fiano Romano, al BorgoFestival di Benedetto Tudino si recita per strada. I primi che ho acchiappato sono un autore Rai e sua moglie Patrizia. Dopo la lettura lui ha smesso. Poco tempo per il depressive marketing, perché i gruppi scendono dai vicoli ogni 5 minuti e desiòmastgoon. Consapevolmente la cena ha avuto due repliche complete, ma non è umano dover scegliere tra il salmone di Gabryella e l’amatriciana della trattoria…

Faceva talmente caldo che il libro mi scivolava dalle mani. Così sono andato d’improvvisazione. Paura, ma scariche di adrenalina e puro godimento.

.

.

.

da sinistra: Fabiano De Micheli, Riccardo Mannelli e l'autore esordiente

20 luglio, Roma, Libreria Spazio Morgana. Non è solo una libreria, fa presentazioni, spettacoli, conferenze, corsi. Dentro ci sono due soci (Matteo e Corrado) appassionati. Dammi un Daparox ha confermato la bontà delle presentazioni in coppia. Parlare nello stesso spazio dove negli ultimi decenni si sono esibiti i più grandi jazzisti del mondo, non fa tanto effetto quanto sentire le cose che Riccardo Mannelli aveva da dire su Dammi un bacio. Non mi sono più lavato le orecchie da allora.

Read Full Post »

Veleno alla Feltrinelli

La soddisfazione di vedere un tuo libro alla Feltrinelli non ha prezzo, per tutto il resto chissenefrega.

Read Full Post »